Articoli recenti

Categorie del Blog

Archivi

LinkedIn

Facebook

Menu
 

Paese che vai, sanzioni che trovi. Un reato leggero in Italia può essere grave negli EAU

Paese che vai, sanzioni che trovi. Un reato leggero in Italia può essere grave negli EAU

Quali sono i reati che gli italiani negli EAU tendono a compiere senza rendersene conto?

Gli italiani che vivono e lavorano negli Emirati Arabi Uniti sono sempre di più, la comunità italiana nel paese aumenta di anno in anno ed è arrivata a poco più di 10.000 persone, di cui la stragrande maggioranza a Dubai. Qui, infatti, il numero si è triplicato negli ultimi 4 anni: se nel 2012 si contavano 3000 persone, nel 2016 siamo già arrivati a circa 9000. E parlo solo degli iscritti all’Aire (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero), ossia le persone registrate, a cui si aggiungono altre 2000-3000 persone che non risiedono stabilmente nel paese ma intrattengono rapporti con l’Italia dagli EAU.

In una comunità così vasta (la più vasta nella regione MENA – Middle East e North Africa) è normale trovare i tipi più disparati di persone: da quelli che rispettano le regole, che conoscono gli usi e i costumi locali, a quelli che credono invece di essere sbarcati in un paese dove poter fare soldi facili, o per ingenuità o con furbizia. In poche parole, anche la percentuale dei reati commessi dagli italiani negli ultimi anni tende ad aumentare.

Tra i connazionali che si rivolgono a me autonomamente e quelli che assisto perché indirizzati dal Consolato italiano, posso dire che i reati economici e finanziari più diffusi commessi negli EAU in ambito societario o imprenditoriale sono in generale le truffe, come:

  • gli assegni a vuoto
  • le appropriazioni indebite
  • la sovrafatturazione
  • il riciclaggio

Abbastanza diffusi sono poi i reati commessi nel settore dell’oro e dei diamanti, la cui controparte sono per lo più i paesi africani, o i reati per droga.

Bisogna dire subito una cosa. Chi conosce bene gli EAU, sa che qui c’è la certezza della pena. Molti sottostimano la gravità dei loro comportamenti, altri banalmente “ci provano”, ma i reati economici e finanziari, come assegni non coperti o fatture non saldate, sono sanzionati molto severamente, con pene che vanno dalla detenzione con ritiro del passaporto a multe molto salate fino all’espulsione dal paese.

Parlando di assegni, lo strumento di pagamento locale più diffuso negli EAU è l’assegno postdatato, mentre, come dicevo, la mancata copertura di un assegno costituisce reato nel paese. Succede così che molti connazionali emettano assegni a vuoto ragionando secondo criteri italiani secondo cui il reato è stato recentemente depenalizzato, mentre l’assegno postdatato seppur pratica diffusa è considerata illegale. Altro è invece il caso in cui il subcontractor di una grossa azienda emetta assegni, poi quest’ultima, il main contractor, cancella la commessa oppure non lo paga e a quel punto i suoi assegni vanno a vuoto e si ritrova nei guai. Come dicevo prima, furbizia o ingenuità, oppure semplicemente maggior tutela a fronte di un normale rischio imprenditoriale.

Oltre alle pene detentive o pecuniarie, possono essere comminati anche una serie di provvedimenti disciplinari, come:

  • la chiusura dell’attività
  • la perdita della licenza commerciale
  • il divieto a condurre affari nel paese

Ciò avviene soprattutto nel momento in cui l’Autorità scopre per esempio che un imprenditore utilizza la licenza impropriamente (per esempio ha una società per fare consulenza ed invece fa trading).

Il processo penale in EAU si struttura in due fasi, quella dell’indagine istruttoria e quella dibattimentale. La prima è coperta dal segreto, l’avvocato non può accedere al fascicolo ma a volte può assistere il cliente nell’interrogatorio. Sia questo che il dibattimento devono essere riportati in arabo, quindi le testimonianze vengono raccolte attraverso un interprete. Essendo di nazionalità straniera, il regolamento mi impone di associarmi ad uno studio locale quando assisto un italiano in sede penale o civile, e quindi il valore aggiunto del mio intervento non si limita alla strategia difensiva e al coordinamento della difesa ma anche al sostegno in ambito culturale, degli usi e dei costumi del paese, che possono “intimorire” un italiano.

Se vuoi saperne di più o ti occorre assistenza specializzata per la tua società negli EAU, contattami.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Open Popup
  • report